STEPHEN ALCORN. CANTABILE COMPAGNIA



quando 20 marzo > 5 maggio 2013
dove Wall Of Sound Gallery

Con questa nuova mostra Wall Of Sound Gallery sposta per la prima volta i riflettori dalla fotografia all’illustrazione, a conferma di un progetto che abbraccia ogni aspetto, tecnica e linguaggio dell’immaginario visivo legato alla musica. La scelta di esporre le opere dell’americano Stephen Alcorn è tutt’altro che casuale, vista l’amicizia più che decennale che lega l’artista non solo a chi scrive queste righe, ma anche alla Fondazione Fabrizio De André. Sì, perché Alcorn, raffinato artista visivo nonché valente musicista, è da sempre appassionato di Fabrizio a cui ha dedicato un ciclo di dieci opere. Alcune di esse erano già apparse nei volumi da me curati sul cantautore genovese - E poi, il futuro (Mondadori 2001) e Una goccia di splendore (Rizzoli 2007) - ed erano anche state esposte nella grande mostra multimediale di Palazzo Ducale, a Genova.

La concomitanza di una docenza di Alcorn all’Università degli Studi di Milano rende oggi finalmente possibile il vecchio sogno di portare in Italia la splendida serie di xilografie “Modern Music Masters”, arricchita per l’occasione dalle preziose tavole dedicate a De André. “Le mie immagini di Fabrizio”, racconta Alcorn, “fanno parte di una serie di ritratti di vari musicisti contemporanei che ho cominciato a creare circa due anni orsono. Dopo aver realizzato per anni ritratti di grandi figure del passato, ho provato il desiderio di rappresentare personaggi che hanno contribuito alla formazione culturale della mia epoca e della mia generazione. Mia moglie Sabina ed io ci siamo sempre considerati fortunati di essere cresciuti sotto le ali di talenti come Dylan e De André da un lato, e dei Beatles e dei Rolling Stones dall’altro. Così, mescolando ricordi e fantasia, ho dato forma concreta ad una serie di vere e proprie icone musicali. I miei ‘Modern Music Masters’ sono in costante evoluzione, anche dal punto di vista della sperimentazione nella tecnica dell’incisione linoleografica. Mi sembra particolarmente appropriato che l’infinita varietà della musica moderna trovi riscontro in una incessante sperimentazione nel modo di rappresentare gli artisti che questa tecnica consente”.

Il segno di Alcorn sa farsi volitivo e di taglio espressionista, una sorta di nuova Brucke in ironica salsa psichedelica (i ritratti di Kurt Cobain, Ray Charles, Lightnin’ Hopkins, Elvis Presley, Miles Davis) oppure romanticamente simbolista fin quasi alla ridondanza (The Crowning of Bob Dylan, il ciclo dedicato a De André). Un’infinita passione per tutta la musica ispira la mano di Alcorn che fa sfilare “alla pari” i volti trasfigurati delle grandi leggende transgenerazionali, piccoli e spesso sfortunati eroi di culto e vecchi leoni del blues e del jazz, in un caleidoscopio di forme e di colori che, con interpretazioni spesso sorprendenti, include, oltre agli artisti sopra citati, Joan Baez, Bjork, David Bowie, James Brown, Jeff Buckley, Johnny Cash, Eric Clapton, Ani Di Franco, Nick Drake, Woody Guthrie, George Harrison, Jimi Hendrix, Billie Holiday, Mick Jagger, Blind Lemon Jefferson, Brian Jones, Lennon & Mc-Cartney, Madonna, Bob Marley, Nina Simone, Patti Smith, Bruce Springsteen, Pete Townshend, Stevie Ray Vaughan, Muddy Waters e Frank Zappa. Un autentico pantheon della musica popolare.

Quella di Alcorn è un’arte che trascende le limitazioni di spazio e tempo, smarcandosi dalle pretese realistiche della fotografia per liberare l’immaginazione in un’esplorazione che è davvero un volo fantastico sulla musica degli ultimi settant’anni.

Guido Harari, Wall Of Sound Gallery

 

Latest additions to our collection
Popular photos and artists

news

''ART KANE. VISIONARY'' INAUGURA A TORINO IL 3 MAGGIO. 23/04/2018

''ART KANE. VISIONARY'' INAUGURA A TORINO IL 3 MAGGIO.

Save the date! La mostra "Art Kane. Visionary" inaugurerà il 3 maggio< ...

leggi
''WALL OF SOUND 10'' DI GUIDO HARARI A TORINO DAL 26 OTTOBRE. 12/10/2017

''WALL OF SOUND 10'' DI GUIDO HARARI A TORINO DAL 26 OTTOBRE.

Dopo il successo riscosso alla Fondazione Bottari Lattes di Monforte d'Alba l'estate passata, dal 26 ottobre al 24 dicembre< ...

leggi
''STONE FREE'' PER I 50 ANNI DELLA ''SUMMER OF LOVE''. 18/06/2017

''STONE FREE'' PER I 50 ANNI DELLA ''SUMMER OF LOVE''.

Siamo lieti di ricordare lo spirito della “Summer of Love” in occasione del suo 50° anniversario, presen ...

leggi

With a little help from our friends: